Cacca di Drago: Psicoanalisi di un Trasloco

È impressionante la quantità di cose che uno può mettere da parte in vent’anni di vita. Io ne ho ventisei di anni, ma mi è sembrato sensato ignorare i primi, ché di cose in quelli non se ne mette da parte un gran che.

Tendo a non buttare via mai nulla.
Conservo di tutto, dai biglietti del cinema alle cartoline ai messaggi scritti a matita di corsa, e lasciati quasi al volo, prima di prendere il treno. Sono molto attaccato alle cose, o meglio, non alle cose in quanto tali, bensì a ciò che rappresentano, ai ricordi a cui sono legate, alle persone che me le hanno date o con cui le ho condivise.

Sono, per così dire, un collezionista di simboli.

Così le scatole sembrano non bastare mai, e il tempo che impiego a riempirle si dilata a dismisura via via che affiorano i ricordi per questo o quel pezzo unico, come unico è il ricordo ad esso legato.
Alcune cose non ricordo neppure come le ho avute e tuttavia non riesco a liberarmene.
Un trasloco, così è come rinascere: mi obbliga a fare i conti col passato e a liberarmi di qualcosa, forse di qualcuno, forse di un altro me stesso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: