Categoria Racconti

Memoranda

Da un bell’articolo di Annamaria Testa (questo) ho preso spunto per un esercizio che ho proposto in un gruppo di appassionati scrittura creativa da me creato su facebook (questo). E siccome sono solito testare gli esercizi che propongo, posto qui il risultato. “Immaginate che la vostra mente sia un luogo in cui potete entrare e […]

Continua a leggere

Dialoghi del Terzo Tipo: Gelato.

Dialoghi del terzo tipo: un gelato nonsense.

Continua a leggere

Clara e l’ultimo albero

Il cambio climatico, attraverso gli occhi di una bambina.

Continua a leggere

Il pomeriggio

Poi lentamente accade il pomeriggio.

Continua a leggere

Meditazione – monologo interiore senza fiato.

Inspira, espira. Inspira, espira. Dicono che il segreto della meditazione sia tutto qui. Inspira. Concentrandoti sul respiro (espira) puoi tenere a bada la mente. Inspira. Solo che proprio mentre sei lì ti viene in mente qualcosa. Espira. Qualcosa di insensato, tipo che INSPIRA invece di fare attenzione al respiro stai facendo ESPIRA attenzione a te […]

Continua a leggere

Requie

Aveva piovuto tutta la settimana, e ora che c’era il sereno andavo per castagne col padre di mio padre. La guerra era finita da un po’, e la terra aveva cominciato a rigettare le cose che le avevano nascosto in grembo. Non avevo mai visto un morto prima di allora. Vederne così tanti, tutti insieme, […]

Continua a leggere

Premiate Lavanderie Martinez

L’italiano ha un immenso patrimonio di modi di dire. Per chi si cimenta con la scrittura è una fonte di grande ispirazione. Quello che ti presento oggi è un esercizio di stile, un manifesto, un racconto. Un volantino immaginario dietro il quale prendono vita le Premiate Lavanderie Martinez. Lo senti, l’odore del sapone e dell’ammorbidente? Da oltre […]

Continua a leggere

Come ebbe inizio la Guerra delle Stoviglie

Nella grande Sala dei Cristalli tutti trattenevano il fiato. Sua trasparenza il Re Calice guardava torvo l’ambasciatore del regno delle posate, ma il dignitario, un cucchiaio d’argento finissimo, non accennava a inginocchiarsi in segno di riverenza. La Coppa Regina inclinò con eleganza il suo bordo dorato verso quello del suo sposo e sussurrò qualcosa. «Dunque il […]

Continua a leggere

Lo Scrittore che Non Scrive

Lo scrittore che non scrive è una nube che non piove treno merci che non stride giacca vecchia e toppe nuove; è una rima che non rima prato verde senza brina carcerato senza lima invitato che declina; corridore che non corre libertino senza voglie fiume in piena che non scorre primavera senza foglie; Paradosso – […]

Continua a leggere

Rap di Natale 2016 – buon Natale un cazzo

A Natale siamo tutti più buoni a nulla se n’è accorto perfino Gesù Cristo nella culla: la Siria è un camposanto, il fantasma d’un paese che Putin se potesse invaderebbe anche il presepe, tu invece pensi all’Iphone, babbo natale e gli elfi – e frate te lo dico hai rotto il cazzo con ‘sti selfie […]

Continua a leggere

Milano

Milano senza sole Milano non sa amare Milano niente Mole Milano pendolare – non è un sostantivo, è un verbo Milano senza nerbo Milano sempre prima Milano brava gente Milano non fa rima Milano pacco urgente Milano la movida Milano tra le dita Milano o zitta o grida Milano sodomita Milano senza fiato Milano tutto […]

Continua a leggere

Basaglia

«Ma hai visto che razza di randello?» dissi io. «Lo so, lo so.» Luigi aspirò a occhi socchiusi, poi fece scivolare fuori il fumo dalle narici. «Cristo santo! Saranno stati almeno trenta centimetri. Da moscio, Luigi!» Luigi annuiva, il busto appoggiato alla ringhiera di metallo. All’epoca – prima cioè che il signor Basaglia, pur con […]

Continua a leggere

Cuba

Macchine antiche palazzi in rovina gabbiani avvoltoi piantagioni di tabacco banane musica nelle strade accattoni truffatori murales di propaganda sui muri delle case vecchie foto fumo rum cocco chiasso un fortino spagnuolo abbarbicato alla costa jineteros canto di una donna su un terrazzo carretti trainati da cavalli una divinità africana travestita da Vergine Maria taxi guayabas cani randagi […]

Continua a leggere

Ritratti #1: Lo strizzamani.

Un piccolo esercizio di stile sulla descrizione dei personaggi. Era nato per stringere mani e rimpiangeva d’averne soltanto due: la sinistra non mollava la presa finché la destra non s’era chiusa a piovra sulla successiva. Tanto era solerte in questo suo ufficio che non aveva ancora guardato in faccia l’uno e già era tutto volto […]

Continua a leggere

Quel che non ho fatto

Finalmente posso fare tutto il niente che mi pare.

Continua a leggere

Ambientalisti su Marte

Non capisco perché ci si preoccupi tanto dell’inquinamento. In fondo la soluzione al problema è semplice. Se ad esempio la soglia oltre la quale si dice che l’aria è inquinata è cento, basterebbe spostare questa soglia a 200 e il problema sarebbe risolto: nessuno potrebbe più dire che l’aria è inquinata. Il dottor Thomas Pratchett […]

Continua a leggere

L’ultimo a cena

Tutti sono impegnati a mangiare, parlottano a bassa voce. GESÙ: In verità io vi dico, uno di voi mi tradirà. Silenzio di incredulità. PIETRO (a Giovanni): Di’, chi è colui a cui si riferisce? GIOVANNI (a Gesù): Signore, chi è? Nel mentre Giuda, che ha finito il primo piatto, fa scarpetta nel piatto di Gesù. […]

Continua a leggere

Micropulp

– Se fossi un uccello, vorrei essere un gabbiano. E tu? – Io vorrei essere l’uccello di Rocco Siffredi – rispondo. – E dai! Sii serio una volta tanto. – Sono serissimo. Aspiro una boccata da una Marlboro a scrocco: quando le scrocchi hanno sempre un sapore migliore. Poi la guardo: Tina, coi suoi occhi […]

Continua a leggere

Il vecchio nel melo

L’inverno cercò l’anima tra le ossa del vecchio. Trovata che l’ebbe, la condusse libera fuori dalla casetta, in mezzo ai fiocchi di neve e al fumo dei camini. L’anima però si voltò. Attraverso i vetri opachi scorse il profilo della vedova, che mesta vegliava la salma al lume di una candela di sego, e ne […]

Continua a leggere

Margherita

Originally posted on Il Drago di Carta:
Margherita ha sei anni, ma è molto più sveglia delle bambine della sua età. Frequenta già la prima elementare e va e viene da sola tutti i giorni. Abita col papà in un palazzo nella grigia periferia, non è molto bello, ma poco distante c’è un piccolo giardino…

Continua a leggere