Espera y espera

Oggi, aspettando che la moka mi riportasse in Italia per qualche minuto, ho colto una delle numerose sfumature, eccezionali e romantiche, di questo linguaggio dal suono coloniale che mi trovo ad ascoltare ormai così spesso.
Qui, in questa terra che cavalca il Mediterraneo e l’oceano Atlantico, attesa e speranza hanno lo stesso suono.
C’è una parola sola per entrambe le cose: esperar.
Espera la madre sulla soglia di casa, quando il sentiero si fa più scuro e le ombre si allungano su di esso.
Espera il pescatore, guardando le reti molli e vuote, pregando il mare che le riempia anche solo un poco.
Espera l’innamorato sotto il ciliegio, quando cuore accelera ad ogni rumore improvviso, ed è sul punto di rompersi ad ogni attimo che lei non arriva.
Espera y espera.
È un’attesa che è speranza, che non si limita a collezionare i secondi, che spacca se stessa per far uscire qualcosa di più grande.

Aspettare, in fondo, implica sempre la speranza di veder concludere l’attesa stessa.
Solo che noialtri non abbiamo mai pensato di dare alle due cose lo stesso nome.

Annunci

2 commenti su “Espera y espera

  1. come sei poetico, io è da giorni che mi chiedo perchè in italiano non ci sia una parola resaca. e poi mi piace tanto compartir!! vabbè, ora puoi cancellarmi dal tuo blog se ti vergogni di me…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: